XII edizione del Tolfa Jazz Festival.

Comunicato stampa

TOLFA JAZZ FESTIVAL (XII Edizione)

Tolfa 23, 24 e 25 luglio e 18, 19 settembre

con Fabrizio Bosso, Noreda Graves, Lovesick,

Costanza Alegiani, Simone Alessandrini e molti altri

Torna il Tolfa Jazz Festival con un programma ricco di concerti da ascoltare tra il centro storico, i giardini della Villa Comunale e i grandi prati, al confine con il paese. La prima parte si svolge il 23, 24 e 25 luglio, per terminare il 18 e 19 settembre con il tradizionale Picnic musicale, a contatto con la natura circostante, tra prati e boschi di castagno.

Molti gli ospiti nel cartellone di questa dodicesima edizione, a partire dal quartetto del trombettista Fabrizio Bosso, alla cantante americana e solista dell’Harlem Gospel Choir Noreda Graves, ma anche il Lovesick duo i cui video hanno spopolato sui social, la voce di Costanza Alegiani, il sax di Simone Alessandrini e moltissimi altri.

Tra sonorità jazz, folk, gospel e blues e in un paese incastonato tra gli oltre 30.000 ettari di boschi, pascoli e colline verdeggianti, il Festival Jazz di Tolfa si conferma non solo uno degli appuntamenti più attesi dell’estate laziale ma anche un’occasione per riscoprire dei luoghi ancora autentici e nascosti, a due passi dalle città. Ogni concerto, infatti, è un’opportunità per gustare le cucina tipica e le specialità enogastronomiche, conoscere l’artigianato e la rigogliosa natura circostante che rendono Tolfa un luogo unico e affascinante.

Al Tolfa Jazz, oltre che con la musica, esiste anche un forte legame con la solidarietà. Anche quest’anno, infatti, il Festival, oltre che avere il Patrocinio del Comune, è partner della “Susan G. Komen Italia”, associazione onlus che dal 2000 opera nella lotta ai tumori al seno e organizzatrice di “Race for the Cure”.

Venerdì 23 luglio alle 21.30, l’inaugurazione del Tolfa Jazz Festival è affidata al trio della cantante romana Costanza Alegiani, nel chiostro dell’Ex Convento dei Padri Agostiniani, che ospita oggi il Polo Culturale di Tolfa. Insieme al sassofonista Marcello Allulli e al contrabbassista Riccardo Gola, la Alegiani presenta al pubblico il suo ultimo progetto “Folkways”, un personale omaggio al mito del folk americano.

Sabato 24 luglio alle 18:00, la Fire Dixie Jazz Band sfila per le strade del centro storico di Tolfa per la tradizionale parata d’apertura. Sempre al centro storico, troviamo sia alle 19.00 che alle 22:00, il trio “G and the Doctor(s), dove la voce di Gloria Turrini, il piano di Mecco Guidi e la tromba di Andrea Guerrini, contaminano il blues con altre sonorità di matrice black, tra jazz di inizio secolo, gospel e il New Orleans style. Alle 20.00 ci si sposta in Piazza G. Marconi per lo spettacolo “My darlin’ Camelì” della Dr. Jazz & Dirty Bucks Swing Band: musiche originali e cinema mutocon quattro musicisti emergenti under 35, in un mix disonorità partenopee e afroamericane fuse in un’unica anima, da Toledo a Storyville, da Carosone ad Armstrong, dal mandolino al banjo.

Alle 21.00, sale sul palco della Villa Comunale il duo del fisarmonicista Natalino Marchetti e del sassofonista Simone Alessandrini con “100 Piazzolla”, un concerto tributo per celebrare il grande riformatore del tango argentino, Astor Piazzola.

Più tardi, alle 22.00, torna a grande richiesta il trombettista Fabrizio Bosso, uno dei musicisti più amati di tutta la manifestazione. Alle 22.00, sempre alla Villa Comunale, insieme al suo quartetto formato dal pianista Julian Oliver Mazzariello, dal contrabbassista Jacopo Ferrazza e dal batterista Nicola Angelucci, Fabrizio Bosso suonerà il suo ultimo progetto musicale “We4”.

Quello con Tolfa Jazz – dichiara Fabrizio Bosso – è un rapporto di amore reciproco. Ogni estate torno a suonare sempre con molto entusiasmo perché ormai si è stabilito un bellissimo rapporto di affezione tra me, il pubblico e gli organizzatori Alessio Ligi e Egidio Marcari. Tolfa Jazz è diventato un appuntamento fisso della mia estate.

Quel che fa la differenza è proprio l’atmosfera che si respira, sia in paese che nei fantastici boschi che circondano il paese, dove spesso ho suonato durante i Picnic musicali che organizza il Festival.

Sono tre, invece, gli appuntamenti di domenica 25 luglio. Alle 20.00 al centro storico, la world music del trio “Wolves”, con sconfinamenti nel jazz e nel rock, anima il concerto intitolato “Immagini. Viaggio tra luoghi e tempo”. Poco prima, alle 19.00, alla Villa Comunale il Lovesick duo con “All over again”. Oltre 100.00 follower su Facebook e 7 milioni di streaming video, compresa una partecipazione al film Lamborghini e alla serie dedicata a Francesco Totti “Speravo de morì prima”: sono numeri da capogiro quelli realizzati dalla contrabbassista Francesca Alinovi e dal chitarrista Paolo Roberto Pianzezza. Le atmosfere dell’America anni ’40 e ’50, musica country e rock’n’roll sono i tratti distintivi di questo eccezionale e attesissimo duo.

Chiusura in grande stile e all’insegna del gospel, alle 21.00 alla Villa Comunale, con la band della cantante e cantautrice americana Noreda Graves. Voce soprano solista sia dell’Harlem Gospel Choir che del coro dell’Anthony Morgan Inspirational Choir of Harlem, Noreda Graves porta a Tolfa Jazz il suo sound ricco di gospel, funk, blues e R&B.

Durante tutti i giorni del Festival, sarà presenta l’installazione “Accordarte”, ideata da Simona Sarti in collaborazione con l’Associazione Culturale “Associazione Arte altra”. Gli artisti Silvia Agostini, Norberto Cenci, Giovanna Gandini, Metello Iacobini, Elisabetta Piu, Michel Patrin, Gabriella Sabbadini e Simona Sarti hanno frammentato immagini delle loro opere per comporre un fantasioso spartito, per accompagnare virtualmente con l’arte gli artisti che si troveranno sul palco durante il Festival.

Il concerto della Graves di domenica 25 luglio chiude la prima parte del Tolfa Jazz, che riprenderà poi il 18 e il 19 settembre con altri appuntamenti, tra cui il tradizionale Picnic musicale che chiuderà l’edizione 2021 della manifestazione.

Sito www.tolfajazz.com

Facebook www.facebook.com/TolfaJazz.Official

Instragram www.instagram.com/tolfajazz

Infoline info@tolfajazz.com

Prenotazione biglietti

www.ticketino.com/it/Organizer/2461975

Ufficio Stampa

Guido Gaito

info@gaito.it 329 0704981

Gaito Ufficio Stampa e Promozione

Via Vincenzo Picardi 4C

00197 Roma

FRANCO D’ANDREA/DAVE DOUGLAS QUARTET

Comunicato stampa

Sette concerti in Europa: Braga, Pescara, Pisa, Merano, Nora, Roma e San Sebastian

Con Federica Michisanti e Dan Weiss

A distanza di 7 anni dal loro ultimo concerto, Franco D’Andrea e Dava Douglas tornano a suonare di nuovo insieme in Europa a luglio. Sette concerti e due masterclass, con un repertorio inedito e una nuova formazione. Oltre al piano di D’Andrea e alla tromba di Douglas, completano questo nuovo “Quartet” due promesse internazionali come la contrabbassista Federica Michisanti e il batterista americano Dan Weiss.

Franco D’Andrea Dave Douglas © Roberto Cifarelli

Prima data il 10 luglio a Braga in Portogallo, poi l’11 Pescara, il 13 Pisa, dal 14 al 16 a Merano (BZ) per due masterclass con concerto, il 17 a Nora (CA), il 18 a Roma e, infine, il 21 a San Sebastian in Spagna, dove Franco D’Andrea suonerà anche in piano solo.

Diversi per background ed esperienze, nonché per età anagrafica (D’Andrea ha da poco compiuto 80 anni, mentre Douglas ne ha oltre venti in meno), ma accomunati da quel rigore espressivo che singolarmente li contraddistingue, i due leader nutrono anche una solida amicizia e un grandissimo amore per la tradizione del jazz. Nel contempo, sia il pianista meranese che il trombettista statunitense sono degli innovatori, degli sperimentatori. E questo è un altro elemento che ne ha favorito l’intesa.

Con Dave – racconta Franco D’Andrea – ci siamo conosciuti nel 2010, quando era venuto a suonare a Merano con una formazione composta da diversi ottoni. Fu un incontro eccezionale. Da lì nacque l’idea di collaborare insieme, sia nel mio quartetto che con Han Bennink con cui abbiamo registrato anche un disco dal vivo insieme nel 2014. Poi le nostre strade si sono un po’ separate ma non la nostra amicizia. Mi chiamò qualche anno dopo per dirmi di avermi dedicato due brani, “D’Andrea” e “Francis od Anthony”, del suo ultimo album “Devotion” e per parlarmi della volontà di formare un nuovo gruppo insieme. Questo ritorno insieme, io lo vivo anche con un festeggiamento della nostra amicizia.

L’idea di questo nuovo quartetto, quindi, appartiene a un’intuizione di Dave Douglas. Sua l’idea di una nuova formazione, composta immaginando la batteria di Weiss e il contrabbasso della Michisanti (già premio Top Jazz come Miglior Nuovo Talento), conosciuta durante l’ultima direzione artistica di Dave al Festival Jazz di Bergamo, dove, tra l’altro, il quartetto suonerà il 21 settembre. La musica di questo nuovo quartetto, oltre ad essere formata da brani di Douglas e D’Andrea, è fondata completamente sul sistema di aree intervallari ideato da Franco D’Andrea, nelle composizioni e nelle improvvisazioni.

Franco D’Andrea Dave Douglas © Roberto Cifarelli

Franco ha un tocco unico. Sentirlo al pianoforte – dichiara Dave Douglas – mi fa venire voglia di suonare. Il quartetto con Franco nasce da un’idea che ho avuto alcuni anni fa. Avevamo già diverse date la scorsa estate ma tutto è stato rimandato per i motivi che conosciamo. Sono da sempre affascinato dal sistema di aree intervallari utilizzato da Franco. Ci ho studiato per conto mio e ho scoperto la possibilità di creare un linguaggio unico nella musica che ora svilupperemo insieme in questa nuova musica. Ho scritto un certo numero di pezzi usando il sistema di Franco. Poi ho proposto questo sistema alla contrabbassista Federica Michisanti e al batterista Dan Weiss di Brooklyn che si è unito a noi.

Negli ultimi mesi, siamo stati in grado di provare a distanza e creare registrazioni di questi pezzi. Tutta la mia nuova musica si basa sul metodo di Franco. Sono grato a lui per aver accettato di suonarli! Suoneremo anche la musica di Franco, dialogando musicalmente con questo nuovo sistema. Non vedo l’ora di tornare in Italia dopo tanto tempo!

Dave Douglas e Franco D’Andrea condividono anche una grande passione per il jazz tradizionale e una devozione per Duke Ellington e Monk. A loro, infatti, saranno dedicati due brani del concerto.

Formazione

Dave Douglas, tromba

Franco D’Andrea, pianoforte

Federica Michisanti, contrabbasso

Dan Weiss, batteria

Per interviste a Franco D’Andrea

Gaito Ufficio Stampa e Promozione

Guido Gaito

Master Class con Andrea Tofanelli

Una interessante Master Class per tutti i trombettisti è quella tenuta dal M° Andrea Tofanelli, che si terrà dal 29 Luglio al 1 Agosto al Campus Internazionale di Alto Perfezionamento del NARNIA FESTIVAL di Narni (Terni)… Un’occasione da non perdere.

Link alla pagina FB del M° A. Tofanelli
https://www.facebook.com/AndreaTofanelliTrumpet/photos/a.330047807124516/3731084210354175

P60lo Fresu – Musica da lettura

Uno Straordinario Paolo Fresu ci regala, in occasione del suo 60° anno, un magnifico concerto eseguito in modo emozionante. E’ un esempio di come l’arte, la musica e la poesia, possano volare molto in alto e insieme toccare le corde più profonde dell’anima, arrivare fino al cuore. Concerto eseguito stupendamente da tutti i musicisti, voce compresa, perché come dice Fresu anche la parola è suono… E’ musica. Ideato in modo sapiente ed equilibrato, belle le immagini e la regia… da non perdere!

Auguri Paolo, regalaci ancora tante belle emozioni. Grazie!

Immagini tratte dal concerto


Presentazione dal sito di RaiPlay

“Dalla Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna, un viaggio culturale per i 60 anni di Paolo Fresu. Con lui il Quartetto d’archi Alborada, il pianista Dino Rubino, il bandoneonista Daniele di Bonaventura e il contrabbassista Marco Bardoscia daranno vita ad un racconto coadiuvato dalla voce di Alessandro Bergonzoni”.

Potete seguirlo su Rai Play —> https://www.raiplay.it/programmi/p60lofresu-musicadalettura 

E su YouTube —> https://www.youtube.com/watch?v=_VW2NJRikYU 

Sito ufficiale di Paolo Fresu: http://www.paolofresu.it 

Potete trovare l’audio in esclusiva del concerto su QOBUZ, sponsor del progetto, a questo link: https://www.qobuz.com/store-router/al…

Louis Dowdeswell

Che dire… Vi invito ad ascoltare questo grande talento!
Link
il canale youtube: https://www.youtube.com/channel/UCw35K7s9qXCkxsVhRIlEo8w
il sito internet con la biografia: https://www.louisdowdeswell.com/bio

Fabrizio Bosso è uscito il nuovo Album “WE4” in quartetto

Comunicato stampa

Venerdì 27 novembre 2020 é uscito per la Warner Music 
video promo https://youtu.be/DB9ZVLtPqAg

We Four è l’ultima fatica discografica del quartetto di Fabrizio Bosso, in uscita venerdì 27 novembre 2020 per la Warner Music. Un album che esprime pienamente, nel suono, nell’interplay e nella scrittura, quell’idea di condivisione totale che rappresenta ormai da anni la cifra stilistica del pensiero musicale di Bosso.

Leggi il resto di questa voce

Andrea Tofanelli: studiare la tromba al tempo del coronavirus

Visto il protrarsi dell’emergenza covid-19, mi sembra interessante pubblicare questi tre video di Andrea Tofanelli che fa una analisi su come trovare stimoli e motivazioni per studiare la tromba in questo sfavorevole periodo. Riporto le parole di introduzione ai video dello stesso musicista: “Libera conversazione in 3 parti con Andrea Tofanelli sullo studio della tromba. Suggerimenti, motivazioni, stimoli, incoraggiamenti, approcci e un pò di tutto per attraversare l’era del covid19 e guardare con fiducia al futuro della tromba e dei giovani trombettisti”.

Big Band ITalia “Blue Sun”

Bellissimo video e stupenda esecuzione d’insieme della Big Band ITalia

Big Band ITalia – Bardaro/Villani.
“Blue Sun” by Gianni Bardaro – Arrangement Bruno Luise – Concept Gianni Bardaro
Special Guests:
Mr. Randy Brecker – Ciro Manna

In Memory of Aldo Bassi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: