Archivi categoria: GRANDI DEL JAZZ

Bill Chase, un trombettista che ha lasciato il segno

Un grande musicista e uno strumentista stratosferico, ascoltatelo nel video…tutto il resto è su Wikipedia

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=dBogxn5ObgA]

Wynton Marsalis

Un Maestro!!! Un grande!!! Il top.

June 5, 2012. Wynton Marsalis speaks withWQXR’s Elliott Forrest at The Greene Space.
Personnel: Wynton Marsalis (trumpet); Walter Blanding (sax); Dan Nimmer (piano); Carlos Henriquez (bass); Willie Jones III (drums)

!50 suonati

Sarà in edicola a partire dall’8 giugno per La Repubblica/L’Espresso la testimonianza di !50,
il più folle progetto di Paolo Fresu: l’ormai celebre tour di 50 date con altrettanti progetti nei posti
più inaccessibili e affascinanti della Sardegna (miniere, monumenti storici, foreste, parchi eolici, e montagne, per citarne solo alcuni)
andato in scena nell’estate dello scorso anno con  un successo di pubblico davvero travolgente.
Dal sito di Paolo Fresu ho appreso della sua lunga degenza in ospedale che lo ha costretto ad annullare alcune date di maggio e in parte di giugno. Colgo l’occasione per augurare a Paolo Fresu una guarigione completa e di tornare presto a farci sognare con la sua musica e la sua tromba.

Di seguito l’intervista rilasciata da Paolo Fresu all’esordio di !50.

Grande Freddie

Adoro lo stile di Freddie Hubbard, provate a rallentare l’assolo per trascriverlo…E’ un ottimo esercizio per imparare il suo fraseggio.

Enrico Rava: Incontri con musicisti straordinari

Enrico Rava a 72 anni si racconta in questo libro autobiografico pubblicato da Feltrinelli. Ci racconta della magia del jazz, di come l’ascolto di questa musica abbia inciso in modo profondo sulla sua scelta di vita.
Per la recensione del libro vi rimando a questo link www.jazzconvention.net

In occasione della presentazione del libro E. Rava rilascia questa intervista a Raf Scelsi:

Miles Davis

Ricorre oggi il 20° anniversario della morte di Miles Davis. Infatti, il 28 settembre 1991 al St. John Hospital di Santa Monica, stroncato dalle gravi complicazioni di una polmonite, venne a mancare uno dei più grandi innovatori della musica jazz. Eccentrico, geniale e sempre alla ricerca di una musica “nuova” , ha saputo, nel corso degli anni, rinnovarsi producendo cambiamenti netti e decisi nella sua arte. Di parole su Davis ne sono state dette e scritte tante, io lo voglio semplicemente ricordare cosi:

Auguri Doc

Il 7 luglio 1927 nasceva a Arlington in Oregon Doc Severinson, tra i più eclettici trombettisti del panorama jazz e pop americano.
Dotato di una padronanza straordinaria dello strumento e di una grande musicalità è stato 1^ tromba della NBC Orchestra al “The Tonight Show with Johnny Carson“. Tanti Auguri a Doc Severinson per il suo 84° compleanno.

Approfondisci da Wikipedia Doc Severinsen —> Sito ufficiale

Doc suona su trombe S.E. Shires Custom Trumpets

I remember Clifford

Questo slideshow richiede JavaScript.


il 26 giuno del 1956 moriva tragicamente a 25 anni uno dei più grandi trombettisti della storia del jazz, Clifford Brown.
Clifford ha influenzato molti trombettisti del jazz moderno tra cui Donald Byrd, Lee Morgan, Booker Little, Freddie Hubbard, e Wynton Marsalis. E’ stato senza dubbio il trombettista più rappresentativo del periodo hard-bop e tra i più significativi degli anni ’50. Suonò in quegli anni con Miles Davis e Fats Navarro di quest’ultimo in particolare subì gli influssi tecnico-musicali. Suonò in seguito con Tad Dameron quindi con l’orchestra di Lionel Hampton, nella quale si trovò a far parte di una eccellente sezione di trombe che comprendeva al suo fianco: Art Farmer, Quincy Jones e Walter Williams. Fece parte del quintetto di Horace Silver e Max Roach dando vita in seguito al Brown-Roach Quintet, riconusciuto tra i gruppi più rappresentativi dello stile hard-bop. Nonostante la sua morte prematura e il fatto che siano passati molti decenni dalla sua scomparsa, Clifford Brown è tuttora punto di riferimento per i trombettisti moderni grazie alla sua straordinaria tecnica strumentale e alla sua stupefacente vena improvvisativa.
Dotato di suono ricco e ampio, supportato da un eccellente virtuosismo strumentale, possiamo immaginarlo come la sintesi tecnica ed espressiva di Gillespie, Davis e Navarro.

Nel 55° anniversario della sua scomparsa TrumpetClub vuole ricordarlo con la sua musica:

Link di approfondimento: http://it.wikipedia.org/wiki/Clifford_Brown

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: